Tipologia : Itinerari Turistici G3

La parte orientale dell'isola è la parte più antica, formatasi più di 400 milioni di anni fa. La zona è prevalentemente collinare, divisa in due dalla piana di Mola, dominata a nord dalla Cima del Monte (516 m) e a sud dal Monte Calamita (413 m). La costa è alta, rocciosa e frastagliata, con l’unica grande insenatura del golfo di Porto Azzurro. 

Il territorio resenta una struttura complessa, che può essere divisa in due sottozone, una meridionale ed una settentrionale. La prima comprende il promontorio meridionale di Monte Calamita formato da Micascisti gneissici paleozoici, spesso con Tormalina, Calcare cipollino, Dolomie e Marmi, con presenza di Porfidi e masse calcaree nella zona di Capoliveri e sulla costa da Porto Azzurro a Rio Marina. La  zona settentrionale è costituita da Scisti ardesiaci e carboniosi e da Arenarie e Puddinghe del Permiano, oltre  che da Calcari vari mesozoici.

Nell’Elba orientale si trovano le famose miniere di ferro, che  hanno avuto un peso economico, sociale e strategico straordinario nella storia dell’Arcipelago. L’Elba è un grande museo minerario all’aperto (esiste anche un Parco minerario nella zona orientale) con 166 specie mineralogiche: i minerali del rame (malachite, cuprite, azzurrite, crisocolla), del ferro (ilvaite, magnetite, ematite, limonite e pirite), dei pegmatiti (berillio, quarzo, ortoclasio, tormalina), e poi gessi, granati, calciti. Di queste specie, ben sette sono quelle "scoperte" per la prima volta all'Elba: Ilvaite; Pollucite; Dachiardite; Elbaite; Minguzzite; Bonattite; Uranopolicrasio.

Il territorio porta impressi in modo evidente i segni delle attività economiche precedenti l'intenso sviluppo turistico degli ultimi decenni. All'interno di un paesaggio a tratti brullo e ricco di terre rosse per la presenza del ferro sono numerosi gli insediamenti in origine legati all'attività mineraria. Le pendici dei rilievi nei dintorni di Capoliveri terrazzati a vigneto, lasciano il posto agli aspri fianchi a precipizio nel mare del Monte Calamita, al piede del quale si aprono le più selvagge e incontaminate spiagge dell'isola, tra splendidi paesaggi marini e monumenti di archeologia industriale dall'aspetto un po' spettrale. La formazione del parco minerario è stato fondamentale per il recupero e la valorizzazione anche turistica dell'area.

Luoghi da vedere

  1. Monte Calamita
  2. Laghetto di Sassi Neri
  3. Forte Focardo
  4. Forte Longone
  5. Monte Castello e Madonna di Monserrato
  6. Laghetto di Terra Nera
  7. Vigneria
  8. Eremo di Santa Caterina
  9. Laghetto delle Conche
  10. Capo Vita
  11. Pietre Rosse
  12. Fortezza del Volterraio
  13. Cava di Punta Pina
  14. Punta Falconaia

GeoPaesaggio "Isola d'Elba"