Tipologia : Borghi
Accessibile in macchina

Montelaterone è una frazione del comune di Arcidosso, situata a circa 4 km a nord-ovest dello stesso nell'area del Monte Amiata. È situato su una cresta arenaria tra le valli dei torrenti Ente e Zancona, da cui si domina l'abitato di Castel del Piano.

L'abitato sorse poco dopo l'anno mille come possedimento dell'Abbazia di San Salvatore al Monte Amiata, per poi passare sotto il controllo senese già a partire dall'inizio del Duecento. Il paese rimane quasi ininterrottamente sotto l'egemonia di Siena fino alla metà del Cinquecento quando, a seguito della definitiva caduta della Repubblica senese, entrò a far parte del Granducato di Toscana.

Le mura di Montelaterone sono ancora in parte visibili e sono costituite da una doppia cortina: quella interna è più antica e risale all'XI secolo, mentre quella esterna è più recente e venne costruita nel corso del Duecento. Sono ancora conservate anche le due porte di accesso al borgo, tra le quali spicca la caratteristica Porta di Mezzo. Il Palazzo Pretorio, situato lungo l'omonima via, fu costruito in epoca duecentesca come palazzo civico ed è riconoscibile per alcuni stemmi dei podestà sulla facciata, risalenti all'età rinascimentale.

Tra gli edifici religiosi è bene ricordare la Chiesa di San Clemente, di epoca Trecentesca e in stile gotico.; la Chiesa della Madonna della Misericordia, costruita nella seconda metà del Seicento, conserva al suo interno affreschi tardobarocchi di Francesco Nasini; la Pieve di Santa Maria a Lamula, raggiungibile dalla strada che collega Montelaterone e Arcidosso, fu costruita nel XII secolo in stile romanico e a tre navate ed è legata ad una leggenda secondo cui una mula si inginocchiò sulla soglia in pietra della porta, lasciandovi il segno del ginocchio.